Parole come pane, la sintassi di Nisida

Pubblicata il giorno 11/03/2014

Dieci scrittori insieme ai ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Nisida (Na) per raccontare l’importanza delle parole

Parole come pane, la sintassi di Nisida

Per i tipi di Caracò, esce PAROLE COME PANE, il libro è frutto di un progetto di scrittura curato da Maria Franco e realizzato da dieci scrittori (Viola Ardone, Paolo Curtaz, Daniela de Crescenzo, Alessandro Gallo, Andrej Longo, Antonio Menna, Anna Petrazzuolo, Patrizia Rinaldi, Gianni Solla, Cristina Zagaria) che dopo “La grammatica di Nisida” hanno sviluppato a titolo gratuito un nuovo progetto nelle aule dell’Istituto Penale Minorile di Nisida (Napoli), elaborando da quel percorso con i giovani detenuti, altrettanti racconti incentrati sulla parola.

Ed è proprio dalla sacralità della parola, come descritto da Isabella Bossi Fedrigotti – autrice della prefazione – che sono partiti i giovani detenuti di Nisida: “[...] La sintassi della liberazione che mette ali alla fantasia e dà voce ai sogni, che toglie le catene pesanti e arrugginite prima alla parola e poi anche alla scrittura. O forse a tutte e due contemporaneamente. […]. E chissà che alla fine la sintassi non riesca a favorire la realizzazione concreta di quel complemento di moto a luogo che per primo è stato perfettamente chiaro ai ragazzi di Nisida

Parole come pane è stato realizzato grazie al contributo di Finanza & Futuro (gr. Deutsche Bank). I diritti d’autore di questo libro, in commercio in forma cartacea ed ebook saranno devoluti all’Istituto penitenziario Minorile di Nisida per la realizzazione di nuoviprogetti culturali dedicati ai ragazzi.

Clicca qui per visionare la scheda libro e acquistarlo online in formato cartaceo o ebook

 

Blog&News: News

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,


Privacy Policy